Investire in cacao

Investire in cacao nel 2017, conviene?

Investire in cacao

Il cacao è una delle materie prime su cui poter fare investimenti, una di quelle commodities che possono fare la fortuna o la disgrazia di qualche investitore. Investire in cacao rappresenta un momento importante della vita, nel quale un risparmiatore decide di impiegare il proprio capitale per qualcosa di fisico e tangibile. Questo consente da un lato di mettere al riparo i soldi ed evitare che perdano di valore nel tempo se rimangono liquidi.Dall’altro lato, investire consente di avere un rifugio sicuro per il futuro e di avere la possibilità di liquidare più avanti l’investimento.
Uno degli investimenti più gettonati del 2017 è quello in materie prime, ovvero beni fisici di prima necessità non ancora lavorati.

 

Il cacao come materia prima

Una delle materie prime più gettonate per gli investimenti è il cacao. Questo prodotto è coltivato nei paesi tropicali, in particolare in Africa sud-occidentale. I maggiori paesi produttori sono il Ghana e la Costa d’Avorio, paese che si affaccia sul golfo africano e che da solo detiene circa il 40% della produzione mondiale di fave di cacao. Investire in cacao come materia prima significa avere dei rapporti direttamente con questi paesi africani, rapporti che si possono concretizzare in vari modi:

acquisto di una piantagione di cacao, adatto per chi vuole avere il controllo diretto della produzione. Disponendo di una propria piantagione personale si possono determinare le vendite e le esportazioni, e sicuramente il ricavato è disponibile in maniera più diretta. Avere una propria piantagione, però, significa spesso doversi trasferire e vivere in loco, seguendo gli andamenti delle stagioni agricole;
acquisto di azioni. In questo caso si individua una piantagione quotata in Borsa e si fanno affari per acquistare azioni di quella piantagione;
acquisto di stoccaggi di materie prime. Questo è il modo più facile da investire, ovvero mettendo il proprio denaro nel semilavorato. L’investitore acquista fave di cacao già raccolte ma non ancora trasformate in burro di cacao o in polvere. Oppure acquista direttamente questi ultimi prodotti e si occupa di rivenderli alle aziende internazionali che si occupano di produzione di dolci.

 

Perché investire in cacao: conviene davvero? Quanto conviene questo investimento?

Secondo molte ricerche finanziarie il cacao genera ogni anno almeno 3.000.000. di transazioni economiche per le sole azioni quotate nel mercato americano. Il fatturato è di svariate decine di milioni di dollari. Gli investimenti in cacao sono in netta crescita nell’ultimo periodo. Negli ultimi anni si è registrata un’impennata di più del 2% annuo di nuovi investimenti in questa materia prima.
Investire in cacao conviene per una serie di motivi. Vediamo i principali:

  • è un bene duraturo e molto richiesto sul mercato;
  • è un bene che si rigenera ogni anno, perché le piantagioni di cacao vengono ricreate sempre;
  • il mercato azionario è in crescita;
  • le quotazioni di vendita sono quasi sempre favorevoli;
  • esistono molti investimenti online da fare.

Bisogna sottolineare che esiste un nuovissimo mercato del cacao in forte espansione, al quale è bene. Guardare se si vuole fare un investimento fortemente redditizio: il mercato del Giappone. I giapponesi, infatti, sono il terzo popolo consumatore di cacao al mondo, dietro agli statunitensi e ai popoli europei. Chi vuole investire cifre importanti può anche pensare di acquistare fave di cacao semilavorate per poi esportarle sul mercato giapponese.